Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
Coaching per raggiungere gli obiettivi
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

15

Share

Il Coaching: le Fasi del Percorso e gli Obiettivi

Download to read offline

La seconda parte della presentazione sul coaching riguarda le fasi di un percorso standard e le caratteristiche che dovrebbe avere un obiettivo per essere realistico.

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Il Coaching: le Fasi del Percorso e gli Obiettivi

  1. 1. E Gianpaolo 50cc": per‘ e WWW. COACH INGLATINAJT
  2. 2. 0 DEFINIZIONE I I TIPOLOGIE I COMPETENZE CHIAVE T LE FASI COACHWG COMPITI DELCOACH BENEFICI CARATTERISTICHE
  3. 3. 3 PRIMA DI INIZIARE Contratto L'accordo è verbalizzate e in parte messo nero su bianco. Contiene: LE ASPEÎTATIVE I RUOLI GLI OBIE I I IVI
  4. 4. DOMANDE ALLO SPONSOR I Quali sono le ragioniche vi spingonoa proporre l'intervento del coaching? I Con quali obiettivi? » Avete già trattato l'argomento con il coachee e in quali termini? » Che tipo di relazione avete sperimentato? » Che risultati vi aspettate? c» In che modo li misurerete?
  5. 5. DOMANDE AL MANAGER » Quali ragionamenti hanno portato ad assumere un coach esterno? I Lei. come responsabile del coachee. come si è attivato finora nei confronti degli obiettivi che propone? » Come definirebbe l'attuale relazione esistente tra lei e ilcoachee? I Cosa vorrebbe chiedergli prima di avviare il percorso? Come si accorgerà che i risultati assegnabili al coaching siano stati raggiunti?
  6. 6. DOMANDE AL COCHEE I Cosa ne pensa di questa esperienza di awiamento? I Come ha accolto il suggerimento dell'azienda? » Quanto sa di coaching? » Ne ha già avuto conoscenza personale? » Con quali risultati? I È d'accordo sugli obiettivi descritti dalvertice d'azienda? Vuole aggiungere o modificare qualcosa?
  7. 7. LE FASI o_ PRELIMINARI SITUAZIONE ATTUALE o q» RICERCA DELL'OBIETTIVO RIASSUNTO E SINTESI ‘o d» ALTERNATIVE E SCELTE
  8. 8. PRENDERE LE DECISIONI ‘Q d» DEFINIRE IL PIANO «o Ò_ FE E DBACK COSTR UTTIVO ESEGUIRE IL PIANO
  9. 9. 1° INCONTRO lRaccolta della storia del coachee Feedback iniziale Obiettivi Coach LA SITUAZIONE Creare il rapporto ATTUALE Awiare un rapporto significa sfruttare la breve finestra che l'altro apre ad ogni nuovo incontro. per entrare con lui in sintonia comunicativa Le regole sul da farsi fino al prossimo incontro Prima bozza degli obiettivi
  10. 10. 1° INCONTRO Descrivete il problema o la questione da affrontare, facendo esempi specifici e concreti. Fate un quadro il più chiaro possibile di come sarebbero andate le cose se si fosse riusciti a risolvere il problema Fate un elenco degli ostacoli e divideteli in 3 gruppi: - Ostacoli che riguardano la persona (mancanza di capacita/ conoscenza. scarsa motivazione. atteggiamento negativo) - Ostacoli che riguardano altre persone (cliente ansioso. manager stressato) - Ostacoli che riguardano la situazione (risorse inadeguate. modifica delle scadenze) . —-s—
  11. 11. 2C INCÒNTRÒ I ‘Obiettivi Sviluppo Attività di sviluppo Obiettivi Coach Stabilire chiara mente l'Obiettivo L'OBIETTIVO Tempo Criteri di Misura
  12. 12. 2° INCONTRO Fwetntz- iîèbiettiflui e Aziiyiii Obiettivo di sviluppo sviluppo Quali sono i miei punti di forza e le aree di miglioramento a cui voglio dedicarmi? annuo Quali azioni, attività ed esperienze mi aiuteranno a raggiungere questo obiettivo? (descrivere idettagli) un. .. Criteri di Misura Come faro a sapere di aver raggiunto il mio obiettivo? In che modo lo misurero? In quanto tempo penso di completare le attività descritte?
  13. 13. L'OBIETTIVO | MODELLI “ STRATEGIE UTILIZZATE PER LA DEFINIZIONE DI UN OBIETTIVO EFFICACE
  14. 14. MODELLO SMART .1‘; " IIVtI SPECIFICO Il più preciso e definito possibile M ISU RABI LE Quantificabile ATTUABILE Raggiungibile REALIZZABI LE Avere le risorse necessarie TEMPIFICATO Tempi definiti peril raggiungimento
  15. 15. MODELLO SMART + ER Specifico: Chiaro, ben delineato. Se si vuole sapere dove si intende arrivare e indispensabile scendere nei dettagli che descrivono in modo accurato l'obiettivo Misurabile: Avere dei parametri con cui valutario Attuabile: Raggiungibile per mezzo di specifiche azioni. non devono esistere ostacoli insormontabili Risorse: Abbiamo ciò che occorre per ottenerlo? Tempo: quando riterremo di averlo raggiunto? Etico o Ecologico: Per poter essere accettabile un obiettivo deve mantenere elevati standard etici Responsabilità: Il potere personale che ci abilita a realizzare un obiettivo
  16. 16. MODELLO PNL DEFINITO POSITIVO Definito in modo Espresso in specifico termini positivi: (concreto) (linguaggio affermativo) VERIFICABILE Basato e verificato sui sensi CONTROLLO Sotto il proprio controllo ECOLOGICO Comporta vantaggi Migliora la direzione della propriavita e mantiene un equilibrio ecologico che non prevede alterazioni o problemi in altre aree o ad altre persone:
  17. 17. i MODELLO GROX/ GOAL Fissare l'obiettivo nel breve e nel lungo termine REALITY Verificare la realtà. i dati di fatto. alfine di analizzare la situazione OPTIONS Verificare le opzioni e le strategie alternative di azione I WHAT Verificare che cosa si deve fare WH EN Quando farlo WHO Chi deve farlo WILL La volontà di farlo
  18. 18. L'OBIETTIVO FACILMENTE REALIZZABILE POCO RILEVANTE Tende a demotivare perché somiglia più ad una routine DIFFICILMENTE REALIZZABILE POCO RILEVANTE Non ci motiva. non rappresenta alcuna fonte di soddisfazione e al tempo stesso appare difficilmente raggiungibile. è frustrante. Non può essere considerato un vero e proprio obiettivo FACILMENTE REALIZZABILE MOLTO RILEVANTE Obiettivo ben formato. Rinforzo positivo. utile ad aumentare la soddisfazione personale e a confermare alcune qualità che mettiamo in gioco DIFFICILMENTE REALIZZABILE MOLTO RILEVANTE Obiettivo sfidante. Ci mette alla prova. sollecita le nostre motivazioni. stimola l'apprendimento e la crescita personale. Si tratta di un obiettivo per il quale vale la pena investire energie. tempo e risorse
  19. 19. Azioni Efficaci E i 3° INCONTRO Alternative Obiettivi Coach Specificare le Azioni da intra prendere. u PRENDERE DECISIONI Priorità Conseguenze
  20. 20. SPECIFICARE LE AZIONI Quali azioni ti . , faranno fare il primo passo di Se ciò non avvicinamento? accadesse. hai o delle alternative? OBIETTIVO 4 PRIMARIO o Quali metterai in pratica? Puoi fare da solo o hai bisogno di interventi esterni?
  21. 21. 4° INCONTRO Areedi a Sviluppo Criteri di Successo Obiettivi Coach CRESCITA Definire il Piano d'Azione 8‘ Rinforzarne l'attuazione u Tempi Strategie & Azioni
  22. 22. PIANO D'AZION E Criteri di Strategie 8! Successo Azioni
  23. 23. 5° INCONTRO ièiztàitaaaltii a Azioni che Funzionano Obiettivi Coach Concentrati sui A CHE PUNTO SEI? comporta menti u (come FAI. non come SEI) - Feedback costruttivo Sucgess‘ Fallimenti Modifiche di percorso
  24. 24. 6 INCONTRO I Obiettivi Raggiunti Cambiamenti Riscontrati Obiettivi Coach R'fl tt ll‘ d t I e ere su an ameno dell'intero percorso Eventuale Prosecuzione Questionario di Valutazione
  25. 25. QUESTIONARIO DI VA LU TAZI O N E Meno Non ‘ Per niente Ho avuto il livello di coaching che mi aspettavo n a O -u n. O Obiettivi ed aspettative sono stati chiari Ho strutturato un buon piano di sviluppo Il mio coach è stato riservato come mi aspettavo Lavorerei di nuovo con questo coach se ne avessi l'occasione lo e il mio coach abbiamo stabilito una buona relazione Il processo di coaching è stato efficace Ho ottenutoi risultati che mi ero prefissi suggerirei ad altri di assumere questo coach
  26. 26. Gianpaolo Bocci per . , C’ WWW. COACH| NGLATINA. IT _/ Fine Seconda Parte
  • EmilioGalavotti

    Oct. 15, 2019
  • GiovannaLufrano

    Oct. 7, 2019
  • FedericoGirardi1

    Sep. 17, 2019
  • gabrielealtobelli

    Aug. 10, 2017
  • gabriellaanastasia1

    Apr. 2, 2017
  • gdicesar

    Mar. 15, 2017
  • GabrieleFrancesca

    Feb. 19, 2017
  • MarcoRAMOT

    Oct. 30, 2016
  • RaffaellaDonnarumma

    Jul. 21, 2016
  • giuliapicchi

    May. 11, 2016
  • mariapieraforgione

    Mar. 4, 2016
  • mdimarco

    Jan. 2, 2016
  • FrancescoTrovato1

    Nov. 19, 2015
  • gianluigidebernardi1

    Oct. 24, 2015
  • 63589

    Jun. 7, 2015

La seconda parte della presentazione sul coaching riguarda le fasi di un percorso standard e le caratteristiche che dovrebbe avere un obiettivo per essere realistico.

Views

Total views

5,381

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

11

Actions

Downloads

348

Shares

0

Comments

0

Likes

15

×